Articolo taggato “poesia”


Nelle curve sinuose della musica,
e del corpo voluttuoso e fruttifero,
che in questo inverno mi riscalda.
di bianca luce il candore della tue pelle,
mentre tenera e soffice scendi su di me come neve.
Lontano migliaia di km,
in un angolo dell’inghilterra,
marksteps ci fa vibrare col suo sound,
a volte oscuro,
a volte pieno di spirito,
e nel contare i tuoi riccioli
che morbidi scendono intorno al tuo viso,
mi perdo a pensare a ciò che ci riserverà il futuro.
Mark continua a farci compagnia nella notte nera del sud,
come neri sono i tuoi capelli,
il bianco del tuo corpo,
il nero dei tuoi ricci,
e poi… forse… quello che mi colpisce di più,
il verde dei tuoi occhi,
dietro a occhiali che aggiustano lo sguardo,
io vorrei essere i tuoi occhiali,
per far focalizzare la tua attenzione su ciò che è davvero importante.
Forse non sei Venere,
ma non mi importa dell’opinione degli altri,
ai miei occhi sei bellissima,
perchè non guardo solo la copertina del libro,
che si può spiegazzare, rovinare, ingiallire,
ti leggo in ogni giorno che passiamo,
nelle litigate e nelle volte che facciamo pace,
Renato Zero ha detto nessuna notte è eterna,
e nemmeno questa lo è…
Allora stringimi forte,
perchè quando guardo il mio passato lo vedo con un sorriso amaro,
ma il futuro è oscuro,
sinceramente…
dopo tante esperienze passate non me la sento più di dire per sempre….
e neanche tu…
Allora immagina che terremo duro tutta la notte della vita insieme,
e camminiamo verso il sole dell’alba,
mano nella mano come adesso,
come ieri,
come… forse… domani
E tu mark facci compagnia fino a domani,
suonala ancora mark.

Comments 32 Commenti »

Sgocciola fredda dal nero ciglio
la rosa spinosa delle tue memorie
e dolorosa violenta il cuore tuo
e senza rispetto stupra le tue
ultime e sofferte speranze di gioia.

Cantami tu che sai farlo meglio di me
ogni tua piccola quanto grandissima
perversione, solo perchè nient’altro
è più vero e umano di ciò che noi stessi
siamo abituati a negare senza perdono.

Spezza tu che hai la forza di farlo
quelle catene che fredde t’impongono
di fermarti nell’atra sconfitta della
tua arrendevole e violentata esistenza
ed esplodi la tua voglia di essere.

Senza Alcuna pietà.

Comments 4 Commenti »

195170648522[1]Mattino

Un suono

bussa alla finestra

e ti chiama dolcemente.

-

Il primo raggio di sole

si insinua nei pensieri

e fa nascere un sogno.

-

Il giorno ti attende

con le sue scale

non sempre in discesa

pronto a donarti

nuove connessioni

talvolta stridenti.

-

Il muro della consuetudine

ha mattoni sdruciti

e la bellezza cerca

nuovi incroci.

-

Così vai,

regalando alla terra i tuoi passi.

-

Intrecciato a mille vite,

connesso ai fili dell’amore

che tengono tutto

senza trattenere nulla.

Comments 85 Commenti »